RECENSIONE | LO SFARZO DEGLI ANGIOINI - Alla Scoperta del Duomo

Se volete comprendere perché Napoli era considerata la capitale della cultura. 
Come e perché potesse essere il punto focale dell’arte di ogni stile.
 
Se avete voglia di apprendere le tantissime sfumature che nasconde il Centro Storico di Napoli, ed in particolare il Duomo

Questo è il tour giusto! 



L’Associazione Antarecs ha imbastito una stupenda visita guidata nella Cattedrale metropolitana di Maria Assunta, il Duomo di Napoli, in cui scoprirete le particolarità di ogni angolo della basilica. 

La finestra
Si parte ovviamente dall’ingresso, la facciata esterna, l’interno e noterete sicuramente i copiosi lavori di restauro, che riporteranno al massimo splendore la struttura. La guida vi inizierà quindi a mostrare dei dettagli originalissimi e vi illustrerà delle vicissitudini accadute tra il 1600 e 1700. 

Come ad esempio una storia di una finestra interna, posta in alto lateralmente all’entrata, dove si affacciava nel ‘600 il Cardinale, tre volte l’anno, per il Prodigio del Sangue di San Gennaro. Guai a parlarne nei termini di “Miracolo”, la guida ci ha spiegato che per gli ecclesiastici la non unicità con, anzi, la ripetizione dello scioglimento, lo rende solo una serie infinita di prodigi (tecnicismi!). Si narra che quindi, durante una delle celebrazioni, cadde dalle mani del cardinale l’ampolla sacra, che però non si scalfì minimamente (forse è stato questo il vero miracolo!). Da quel momento in poi le celebrazioni furono portate sull’altare centrale e la finestra fu murata, come le altre. 

Battistero di S. Giovanni Fonte
Questo è solo un esempio delle varie minuzie che scoprirete, passando tra le volte, per la Basilica Santa Restituita, il Battistero di San Giovanni Fonte, dove troverete una delle più antiche e grandi vasche battesimali e ammirerete antichissimi mosaici variopinti. Visiterete da vicino la tomba dell’unico Papa non sepolto nella capitale, Innocenzo IV
Nodo di Salomone 
Si giunge così al Reliquiario di San Gennaro nella Cappella del Succorpo, con le presunte ritrovate ossa del santo tra simboli esoterici e la statua del Cardinale Oliviero Carafa, e alla Reale Cappella del Tesoro di San Gennaro, dove contemplerete il tesoro più ricco della terra. 

E’ un vero orgoglio scoprire ogni volta che la si visita così tanto del Duomo. Non si finisce mai di imparare. 

CAPPELLA DEI CAPECE MINUTOLO

Ma la particolarità più grande di questo tour che lo rende a dir poco straordinario è l’apertura in via del tutto eccezionale della Cappella dei Capece Minutolo, antica famiglia nobiliare napoletana ancora oggi proprietaria. Il Boccaccio la rese nota nel Decamerone nella novella di “Andreuccio da Perugia”. 

Come sempre è la rarità a rendere qualcosa più preziosa, e abbiamo avuto la fortuna di ammirare questo frammento del Duomo, chiuso da sempre al pubblico, e che presenta unicità come opere meravigliose della scuola di Giotto, emblemi esoterici, croci templari e l’incredibile albero genealogico della famiglia Capece Minutolo. 


Vi abbiamo già descritto tanto, ma in realtà nulla di ciò che può questo tour mostrarvi.


La visita è stata organizzata da A.N.T.A.RE.C.S.– Associazione Napoletana per la TutelaAmbientale e il REcupero Culturale e Sociale e si inserisce all’interno di Lumina Mentis, ciclo di itinerari storico culturali che, lo scorso 12 settembre, ha inaugurato il nuovo anno con la visita al complesso monumentale di San Giovanni a Carbonara e i cui incontri sono previsti sino a giugno 2016.



Per sfogliare i prossimi tour di questa Associazione Culturale clicca qui:

Oppure contattali all'email:

Dario Romaniello

Riproduzione Riservata

I suggerimenti della settimana

Post del momento

FOTO - Molo Beverello: ecco come sarà e quando...

Il progetto presentato con questo rendering è di circa 20 milioni di euro e prevede di radere al suolo tutto il molo Beverello e c...