Il direttore del Museo MADRE è il "Miglior Direttore di Museo in Italia 2017" per Artribune


Il direttore del Madre, il museo della Regione Campania di arte contemporaneaAndrea Viliani, è stato eletto da Artribune quale Miglior Direttore di Museo in Italia per il 2017: nell'annuale Best Of di fine anno, redatto in collaborazione con un articolato gruppo di opinion makers su tutto il "meglio del 2017" nel mondo dell’arte e della cultura italiane (artisti, curatori, musei, gallerie, collezionisti, città, eventi, fiere, rappresentanti politici), la prestigiosa rivista d'arte italiana ha assegnato il titolo con la seguente motivazione:
Un lavoro puntuale e rigoroso su collezione e mostre temporanee. E una energia incredibile portata in città, nell'ultimo anno della sua direzione, con le recenti collaborazioni con Pompei per la mostra al Madre e con Capodimonte per la mostra in quest’ultimo museo”.
Nel 2016 Artribune aveva assegnato alla mostra Fabio Mauri. Retrospettiva a luce solida (Madre, 26.11.16-06.03.17) il riconoscimento di miglior mostra dell’anno in Italia, mentre l’anno prima, nel 2015, il museo regionale campano era stato nominato miglior museo dell’anno.

Ulteriori riconoscimenti alla programmazione e all'attività del Madre anche su Il Giornale dell’Arte: nella sezione Il meglio e il peggio del 2017, le pagelle di 83 esperti e addetti ai lavori, Viliani viene scelto come miglior critico o storico dell’anno da Luca Beatrice (critico d’arte) e Ludovico Pratesi (curatore e critico d’arte), mentre il Madre è il miglior museo dell’anno per Fabio Cavallucci (già direttore Centro per l’arte contemporanea Luigi Pecci, Prato), Valerio Dehò (curatore indipendente), Alessandro Pasotti e Fabrizio Padovani (galleria P420, Bologna) e Catterina Seia (direttrice scientifica di Il Giornale delle Fondazioni). Per Ludovico Pratesi, inoltre, "per la complessità e la ricchezza di spunti", Pompei@Madre. Materia Archeologica è la miglior mostra 2017, nonché miglior restauro 2017 quello effettuato su numerosi reperti archeologici pompeiani in occasione della mostramiglior catalogo quello della mostra di Roberto Cuoghi tenutasi al Madre dal 27 maggio al 18 settembre 2017 e co-prodotto dal Madre con il CAC-Centre d'art contemporain di Ginevra. Roberto Cuoghi e Paolo Bini, una cui opera è attualmente presente in collezione al MADRE nell'ambito di Per_formare una collezione. Per un archivio dell'arte in Campania, sono inoltre per Luca Beatrice anche i migliori artisti 2017.

Riconoscimenti di Artribune vanno anche ad altri soggetti del sistema culturale campano delle arti contemporanee, pubblico e privato, la cui attività è strettamente connessa a quella del Madre: Miglior Museo in Italia 2017 il MANN-Museo Archeologico Nazionale di Napoli (con cui il Madre ha stretto progetti di collaborazione e alle cui mostre di arte contemporanea ha concesso, nel corso del 2017, il proprio patrocinio denominato Matronato) e Miglior Collezionista/Mecenate è stato riconosciuto Giuseppe Morra (il Madre è stato partner di Casa Morra nel 2017 sostenendo integralmente, nell'ambito di Progetto XXISogni, Incubi e Deliri, il programma di apertura degli Archivi Mario Franco).
"Sono grato per questi riconoscimenti", dichiara Viliani, "che premiano il lavoro quotidiano, la professionalità, la dedizione e la cura, la passione intellettuale e civica di tutto lo staff della Fondazione Donnaregina per le arti contemporanee e del Madre, a cui questi riconoscimenti sono dovuti. 

E che non sarebbero stati possibili senza la vicinanza e il sostegno di una strategia di pianificazione culturale attenta e responsabile, di assoluto valore strategico anche per gli anni a venire, quale quella indicataci dal Presidente della Regione Campania, On. Vincenzo De Luca, e condivisa con i suoi Consulenti, con tutti i Dirigenti regionali e i loro staff, con il Consiglio di Amministrazione del museo e con la società SCABEC. A tutte e tutti loro va il mio più profondo ringraziamento. 

Come esso va ai nostri partner istituzionali nazionali, con cui abbiamo realizzato il programma del 2017, a partire dal Parco Archeologico di Pompei, il Museo e Real Bosco di Capodimonte, il Polo Museale della Campania, le istituzioni della neonata Via Duomo. Strada dei Musei, l'Accademia di Belle Arti di Napoli, le Fondazioni pubbliche e private di cui il Madre sostiene i progetti nell'ambito della piattaforma Progetto XXI e i tanti prestatori e sostenitori, fino ai partner internazionali come il CAC di Ginevra e il Museum Brandhorst di Monaco di Baviera. 

E ovviamente il nostro ringraziamento corale va alle artiste e agli artisti, per i quali il nostro impegno diviene, ogni giorno, la nostra gioia più grande, sopratutto lavorando in un'istituzione pubblica che mira a coinvolgere ogni giorno in questa gioia, e nella bellezza che ne è alla base, il pubblico di ogni età e provenienza, facendo della cultura un valore democratico, uno stimolo alla speranza e uno strumento di inclusione e condivisione. 
Se e quando ci si riesce, anche solo in parte, come questi riconoscimenti sembrano confermare, è questo il premio più grande e il più bello, incitando tutte e tutti noi a fare sempre del nostro meglio".

I suggerimenti della settimana

Post del momento

Salvador Dalì a Napoli - Una mostra unica al PAN - Fino al 10 giugno 2018

“ Io Dalí”, la nuova mostra   al  PAN|Palazzo delle Arti Napoli   dal  1 marzo al 10 giugno 2018 , passerà in rassegna, attraverso d...