VISITA GUIDATA NOTTURNA: Primavera al Vulcano - Solfatara - 13 maggio 2017


Passeggiare nella storia e a ritroso nel tempo, indietro nei millenni, in un luogo ancestrale carico di energia, fascino e magia illuminato da suggestivi effetti colorati. E' la visita guidata serale al Vulcano Solfatara.


Accompagnati da Guide esperte si esplorano le principali attrazioni nel cratere del Vulcano, tra i getti di vapore della Bocca Grande e le Stufe Antiche, tra la ribollente Fangaia e il Pozzo dell' acqua minerale, in un percorso di circa due ore ricco di fascino.

Alle fumarole maggiori ha luogo l'esperimento della cucina geotermica. La Guida mostrerà la cottura di prelibati chicchi di suino direttamente nel vapore a 160°. Seguirà la degustazione con accompagnamento di vino bianco Falanghina.

Esperimenti scientifici e attualità, racconti e aneddoti divertenti rendono questa esperienza unica e indimenticabile, assolutamente da non perdere!


Info e Prenotazioni:

Per partecipare è necessaria la prenotazione dei posti o l'acquisto dei biglietti on line.

I posti possono essere riservati telefonando al numero 081 5262341, inviando una mail a geotermica@solfatara.it o utilizzando il pratico modulo che si trova nella pagina iniziale di questo sito web.

Cliccando sul seguente link [https://goo.gl/4rbU05], potrete invece acquistare i biglietti on line in maniera sicura direttamente nel sito web del Vulcano Solfatara con le principali carte di credito o tramite account Pay Pal.

I biglietti per la visita hanno un COSTO di € 15 per gli adulti ed € 6 per i bambini da 5 a 12 anni. I bambini da 0 a 5 anni accedono gratuitamente.

La biglietteria aprirà alle 19,30. Per ragioni di sicurezza (i posti in strada sono incustoditi nelle ore serali) è consigliato l'uso del parcheggio interno per i propri mezzi (auto: €3, moto: €2).

Consigliamo di indossare scarpe comode.

I suggerimenti della settimana

Post del momento

VISITA GUIDATA: La Napoli Nascosta: un viaggio nel passato - 28 maggio 2017

La Napoli Nascosta: Tremila anni di storia dal Giardino di Babuk al ventre di via Foria tra antiche cisterne, ipogei e rifugi ...