LE VOCI DEL PRESEPE: Domenica 18 dicembre, alla Reggia di Portici, i pastori prendono vita per uno spettacolo itinerante


Il presepe si racconta. Ha una voce. Anzi, tante voci. Dopo il successo di Canto di Natale alla Reggia, che ha fatto registrare il sold out nello scorso fine settimana, domenica 18 dicembre, alle 10.30, presso la Reggia di Portici, gli attori della compagnia NEArtPOLIS  portano in scena negli spazi della dimora borbonica nuove suggestioni natalizie con lo spettacolo itinerante “La Reggia e le voci del presepe”, viaggio teatralizzato tra le tradizioni natalizie e i simboli del presepe napoletano.

Benino, i Re Magi e altri personaggi del presepe, in costume d’epoca, prenderanno vita per raccontare le loro storie, tra la fede verace radicata nel messaggio dei Vangeli e le millenarie devozioni e tradizioni del popolo napoletano. Una visita molto speciale con i pastori che diventeranno guide d’eccezione per accompagnare i visitatori attraverso le sale affrescate, gli scaloni e la sala cinese della Reggia di Portici, narrando fiabe, leggende, usi e costumi del Natale partenopeo, dall'epoca borbonica fino ai giorni nostri.
Nel corso dell’evento, inoltre, sarà possibile visitare gratuitamente l’esposizione di arte presepiale dei più importanti maestri presepisti dell’area vesuviana, ospitata per l’occasione presso la Sala delle Guardie della Reggia.
Prendere parte a questo spettacolo itinerante, dunque, è un modo per rispondere alla più napoletana delle domande sul Natale: te piace 'o presepio?
 
INFO GENERALI: 
Per prendere parte all’evento è obbligatoria la prenotazione, che può essere effettuata telefonicamente al numero 081.2532016 e al numero 338.1865180 oppure inviando una mail all’indirizzo segreteria@centromusa.it, specificando il numero di partecipanti e un recapito telefonico.
 

I suggerimenti della settimana

Post del momento

VISITA GUIDATA: La Napoli Nascosta: un viaggio nel passato - 28 maggio 2017

La Napoli Nascosta: Tremila anni di storia dal Giardino di Babuk al ventre di via Foria tra antiche cisterne, ipogei e rifugi ...