MOSTRA: #supereroialMann: #invasionidigitali gratuite alla mostra "Giorni di un futuro passato" - 7 Maggio

Il Museo Archeologico Nazionale di Napoli, in collaborazione con CoopCulture, società concessionaria dei Servizi Didattici, partecipa all'iniziativa #invasionidigitali con una visita didattica gratuita alla mostra "Giorni di un futuro passato" dell'artista Adrian Tranquilli: #supereroialMann. Un operatore didattico di CoopCulture guiderà, sabato 7 maggio p.v., alle ore 17.00, gli invasori digitali alla scoperta dell'opera multiforme dell'artista australiano, la cui ricerca è incentrata, caso unico in Italia, sul fumetto super- eroico, soggetto privilegiato del suo vocabolario plastico.
Gli invasori potranno inoltre partecipare al contest #supermann2016, inviando gli scatti della giornata all'indirizzo: https://www.instagram.com/explore/tags/contestsupermann2016/
La mostra, a cura di Eugenio Viola e con il coordinamento di Marco De Gemmis, è organizzata nell'ambito del progetto che il Servizio Educativo del Museo Archeologico Nazionale di Napoli ha concepito per attivare e promuovere un dialogo tra il patrimonio di antichità in esso custodito e i linguaggi della contemporaneità: un insieme di installazioni dal potente impatto visivo, la cui forza evocativa dialoga con l'architettura del Museo e con la statuaria classica. Le figure rappresentate nelle sue opere sono la metafora amara del rapporto tra individuo e collettività, tra il singolo e le strutture di potere che lo schiacciano, attraverso un itinerario che ricostruisce l'intero percorso dell'artista australiano.
L'appuntamento è per sabato 7 maggio p.v., alle ore 17.00, presso la biglietteria del Museo Archeologico Nazionale di Napoli. Ingresso al Museo: gratuito. Partecipazione all'iniziativa: gratuita. Prenotazione: obbligatoria  sul sito www.invasionidigitali.it

Per informazioni:


Web: 

I suggerimenti della settimana

Post del momento

VISITA GUIDATA: La Napoli Nascosta: un viaggio nel passato - 28 maggio 2017

La Napoli Nascosta: Tremila anni di storia dal Giardino di Babuk al ventre di via Foria tra antiche cisterne, ipogei e rifugi ...