MOSTRA: Gianni Pisani Uomo che cammina - Dal 10 Marzo

Con una grande mostra, a cura di Maria Savarese, dal titolo Uomo che cammina, ospitata in diverse sedi, Napoli celebrerà dal 9 marzo al 17 aprile 2016 Gianni Pisani, Maestro tra i più originali ed enigmatici del Novecento italiano, il cui rapporto con il capoluogo campano  fu decisivo sin dall’inizio della sua produzione artistica. Il progetto espositivo, è promosso dall’Assessorato alla Cultura e al Turismo del Comune di Napoli, guidato da Nino Daniele, realizzato grazie al contributo di Seda e gode del Matronato della Fondazione Donnaregina per le arti contemporanee.


Il percorso artistico di Pisani è raccontato attraverso alcuni luoghi simbolo della cultura cittadina, dove sono conservate in forma permanente sue opere, molte delle quali poco note, culminando in un nucleo centrale al PAN | Palazzo delle Arti, dove saranno esposti lavori di grandi dimensioni, molti dei quali inediti. Inoltre esso sarà itinerante, con finalità turistico culturali, essendo infatti volto alla valorizzazione del patrimonio storico - artistico della città di Napoli e dei suoi beni culturali materiali ed immateriali. "La Fondazione Donnaregina per le arti contemporanee ha concesso il Matronato alla presentazione, articolata in diverse sedi sul territorio regionale, delle opere di Gianni Pisani, e alla conseguente valorizzazione del patrimonio d'arte contemporanea e della rete delle istituzioni deputate alla loro conservazione e promozione operanti nella Regione Campania: presentazione in grado di creare percorsi di visita e studio integrati fra diversi ambiti e epoche e di rivolgersi a ampie e diversificate fasce di pubblico".

In mostra  22 opere degli ultimi anni (2013-2105), più tre serie/racconti: Il Mare, con lavori dal 2003 al 2014 (8 opere); Il Bosco, (12 opere) dal 2005 al 2008; Uah (13 opere) 2004-2005. L’ultima serie è della fine del 2015 Uomo che cammina che da’ il titolo e il senso all’intero percorso, in cui “l’enfant terrible”, come è stato definito negli anni 60’, o “ il portatore di traumi”, come lo chiamò Lea Vergine all’indomani della sua personale alla Galleria Apollinaire di Milano, si presenta in modo nuovo, addolcito dagli anni, che non sono riusciti però a scalfire la forza del suo lavoro, che continua ad essere un racconto intimo e involontariamente anche violento, per la naturale spudoratezza con cui si mostra nelle ultime opere.
I siti che accolgono in esposizione permanente le opere di Gianni Pisani e che saranno oggetto di visite guidate durante il mese della mostra sono:
Sabato 12 marzo e sabato 2 aprile  ore 11.00, Chiesa di Santa Maria della Sanità e San Gennaro Extra Moenia, percorso guidato alle opere Madonna della Sanità, L’ultima cena  e Papa Ratzinger , a cura della Cooperativa La Paranza
Venerdì 18 marzo ore 17.00, Museo del ‘900 – Castel Sant’Elmo, visita guidata alla sala dedicata a Gianni Pisani e dibattito con: Angela Tecce, Maria Savarese, Mario Franco, modera Lorella Starita
  • Venerdì 11 marzo e giovedì 31 marzo ore 11.00, Pinacoteca dell’Accademia di Belle Arti, incontro con l’opera Il  Dondolo, a cura di Olga Scotto di Vettimo
  • Giovedì 17 marzo ore 9,30 e giovedì 7 aprile ore 17.30, Complesso monumentale di Santa Chiara, Sala Maria Cristina, via Crucis via Lucis, 2000-2011, visita guidata a cura di Lorella Starita
  • Domenica 3 aprile ore 11.00, Museo di Capodimonte, visita guidata alla sezione del ‘900 napoletano con approfondimento sull’opera,  Il letto (1963) per “Le domeniche al Museo” a cura di Lorella Starita
  • Sabato 9 aprile ore 11.00, Metropolitana – Stazione di Salvator Rosa, visita guidata a cura di Lorella Starita
  • Lunedì 11 aprile ore 17.00, MUSEO MADRE, visita guidata alla sala dedicata a Gianni Pisani, a cura di Lorella Starita

E’ consigliabile prenotare le visite al numero 3473882767 dalle 16.00  alle 20.00, dal giorno 9/ 3 al 18/4 2016.
All’anteprima stampa, che si terrà il 7 marzo alle 11.30 al Pan|Palazzo delle Arti di Napoli, è stato invitato il Sindaco di Napoli Luigi De Magistris e sarà presente, con l’artista e la curatrice, l’Assessore alla Cultura e al Turismo Nino Daniele.

Cenni biografici

Gianni Pisani è nato a Napoli il 20 marzo 1935, città dove vive e lavora.
Nel 1953 un suo disegno viene premiato per la prima volta per gli ”Incontri della gioventù” e nel 1955 esordisce sulla scena nazionale dell’arte vincendo il premio del Banco di Napoli per i giovani artisti dell’Accademia ed il V Premio Cesenatico con l’opera Crocifissione. Molti sono i premi vinti negli anni ’50 e ’60, tra i quali: il Michetti, il San Fedele, il Morgan Paint’s, il Termoli, il Cesenatico, il Premio Spoleto. La sua opera Il Letto oggi in mostra permanente al Museo di Capodimonte, fu censurata perché apportatrice di traumi e chiusa in una sala dove potevano accedere solo addetti ai lavori. Questo “scandalo” gli procurò l’esclusione dalla XXXII Biennale di Venezia dove l’aveva già proposto Maurizio Calvesi, ma a Venezia Pisani , nel 1995, avrà un’intera sala alla Biennale del Centenario, invitato da Jean Clair, dove, tra le alte opere, presenterà anche il Letto. Nel ’64 l’opera La Credenza che oggi appartiene alla collezione Terrae Motus, fu premiata al III Premio Scipione e segna un altro momento importante della sua nuova ricerca oggettuale. Gianni Pisani è anche un animatore della vita culturale della città: Nel 1967 fa parte della direzione della Galleria “Il Centro” di Dina Carola con Anna Caputi, sua amica  e storica dell’arte dove organizza, tra l’altro, la mostra sul Nouveau Realisme di Pierre Restany e sempre con Restany Operazione Vesuvio una mostra itinerante da Napoli a Tokyo, con la partecipazione di circa duecento artisti internazionali da Christo a Fontana, da Burri a Vedova. 
Nel 1969 fonda la Galleria Inesistente, nata da una idea di Vincent D’Arista, promuove una serie di azioni aventi come finalità il coinvolgimento provocatorio dell’ intera città, con eventi spettacolari e destabilizzanti. Fra questi il celebre Risveglio del Vesuvio, una finta eruzione del vulcano ottenuta con fuochi d’artificio e con l’incendio di pneumatici che suscita non poco clamore e il lancio da un aereo preso a noleggio nel novembre del 1970, di quindicimila maniche di plastica, calco di un suo braccio. Del 1974 la scultura-azione Il miracolo di G. P. che propone un gioco ironico, illusionistico, tendente ad indagare in modo affettuoso,  il culto che i napoletani hanno per  San Gennaro. 
Si avvicina a ricerche ed esperienze di tipo comportamentale proponendo azioni e performance  come Tutte le mattine prima di uscire di casa, documentata dalle fotografie di Mimmo Jodice e pubblicata da Lea Vergine in Il corpo come linguaggio. Body art e storie simili, nel corso della quale si avvolge intorno al corpo un cordone ombelicale, simbolo della nascita e dell’azione Ha vinto G. P. nella quale sceglie gli spazi dell’Accademia per distruggere la propria bara. Nel 1980 diventa titolare di Pittura all’Accademia di Belle Arti di Brera, nell’82 torna a Napoli dove ricoprirà la carica di direttore dell’Accademia di Napoli per quattordici anni fino al 1998. Durante la sua direzione l’Accademia acquisterà nuovo splendore. La prima pedonalizzazione di uno spazio pubblico a Napoli: La Piazzetta Micco Spadaro antistante l’ingresso principale dell’edificio, nonché la  riapertura del portone principale, l’ingresso borbonico dell’Accademia, chiuso da sempre al pubblico. 

Tra le molteplici iniziative la riapertura della Pinacoteca con il suo restauro e un programma di mostre da Grosz a Klimt, da Schiele alla prima grande retrospettiva di Beuys, in collaborazione con Lucio Amelio. La Biennale del Sud realizzata con undici Accademie europee – esposizione itinerante – Napoli- Madrid-Bruxelles – Londra. Nel 1982 dirige assieme a Gillo Dorfles  gli Incontri Internazionali d’Arte ad Anacapri, con l’organizzazione di stages di Pittura Scultura e Ceramica e docenti come Arnaldo Pomodoro, Tilson, Toti Scialoja, Enrico Baj e dove partecipano circa duecento studenti da tutto il mondo. L’incontro con il teologo Bruno Forte, gli farà dipingere la Via Crucis Via Lucis, conservata nella sala Maria Cristina in Santa Chiara. La sua ultima antologica è del 2003 Figure dell’Autobiografia a cura di Angelo Trimarco per la Fondazione Morra, divisa tra Castel dell’Ovo e la Certosa di San Giacomo a Capri. La sua scultura in bronzo Deposizione del 1991, è in mostra in Palazzo Reale e il Monumento a G.P.  del 1966, 36 teche in plastica è nella stazione della Metropolitana di Piazzale Tecchio. Il treno che parte dall’isola di Capri  mosaico in vetricolor di m.30x6 fa parte degli interventi alla Metropolitana di Salvator Rosa. Nel 2013 gli è stata dedicata una sala al Museo Madre. Il suo cruccio più grande è il dipinto di 10m. x 5 in ostaggio nel Turtle Point di Bagnoli Futura , che mai nessuno ha ancora potuto vedere. Hanno scritto di lui, tra gli altri:
 G.C. Argan, A. Abruzzese,  G. Ballo, F. Bologna, G. Boundaille, A. Bonito Oliva, C. Brandi, D. Buzzati, De Campos’ L. Caramel, L. Carluccio,  R. Causa, E.Crispolti,  

 L., M.De Micheli , C. De Seta, G. Dorfles, E. Evtuscenko, , R. Melli, F. Menna, G. C.Politi, P. Restany, A. Trimarco, ,   E.Sanguineti, T. Trini,  A. Trione. V.Trione, M.   

 Venturoli, G Z. Krznik, M.Valsecchi, L.Vergine, S. Zuliani etc…

INFO GENERALI:

  • Scheda della mostra
  • Autore      Gianni Pisani
  • Titolo       Uomo che cammina
  • A cura di   Maria Savarese
  • Coordinamento tecnico – artistico  Marcello Pisani; Marianna Troise
  • Segreteria organizzativa Carla Savarese         
  • Promossa  Assessorato alla Cultura e al Turismo del Comune di Napoli
  • Con il contributo di  Seda
  • Matronato  Fondazione Donnaregina per le Arti Contemporanee
  • Sponsor tecnici  Eccellenze Campane; Michele Iodice Assicuratore
Sedi:
  • PAN| Palazzo delle Arti di Napoli | Via dei Mille, 60 – Napoli
  •               Museo Nazionale di Capodimonte
  •               Castel Sant’Elmo
  •               Pinacoteca dell’Accademia di Belle Arti di Napoli
  •               Metropolitana di Napoli, stazione di Salvator Rosa
  •               Metropolitana di Napoli, stazione di Piazzale Tecchio
  •               Museo Madre
  •               Complesso Museale di Santa Chiara
  •               Santa Maria della Sanità
Date:
  • 10 marzo  - 17 aprile 2016
  • Inaugurazione        mercoledì 9 marzo 2016, ore 18.00
Orari:
  •                        PAN | Palazzo delle Arti aperto tutti i giorni, escluso il Martedì,
  •                                  dalle 9.30 alle 19.30, Domenica 9.30 – 14.30.
Ingresso liberoInfo al pubblico:      

I suggerimenti della settimana

Post del momento

VISITA GUIDATA: La Napoli Nascosta: un viaggio nel passato - 28 maggio 2017

La Napoli Nascosta: Tremila anni di storia dal Giardino di Babuk al ventre di via Foria tra antiche cisterne, ipogei e rifugi ...