VISITA GUIDATA: Storie di donne e di figli d’ ‘a Madonna. La Real Casa della Santissima Annunziata

Sabato 9 gennaio 2016 con l'Associazione culturale "locus iste" conosceremo la storia di una delle più importanti istituzioni assistenziali del Regno di Napoli, la Real Casa della Santissima Annunziata. Una location di straordinaria suggestione scelta come luogo simbolo del recente programma di eventi culturali del Natale a Napoli 2015, avente come tema la Natività.
La Santa Casa dell’Annunziata per secoli ha rappresentato il luogo che meglio ha saputo testimoniare a Napoli il dramma dell’infanzia abbandonata. Infanzia, maternità, natività. Temi particolarmente cari all'architetto Riccardo Dalisi che per l'occasione, presso la Sala delle Colonne del Complesso dell'Annunziata, fino a domenica 10 terrà una mostra di sculture e disegni dal titolo Annunciazione - Natività - Gioco Sacro.
La scelta di esporre queste opere negli spazi dell'Annunziata è in linea con l'idea maturata da Dalisi nel 2013 di avviare in collaborazione con l'associazione Semi di Laboratorio e con l'attiguo Ospedale, un laboratorio artistico per bambini e adolescenti che usufruiscono degli ambulatori della struttura ospedaliera.
Restaurata di recente dal Comune di Napoli e finalmente aperta al pubblico, la Sala delle Colonne sarà tra gli ambienti oggetto della nostra visita. Ma vedremo anche la Ruota degli esposti, una sorta di tamburo ligneo di forma cilindrica in cui venivano abbandonati i bambini affidati alle cure delle balie e alla misericordia della Madonna, la Basilica superiore dell'Annunziata e il Succorpo sotterraneo vanvitelliano.
  • Appuntamento: sabato 9 gennaio ore 10,15 presso l'ingresso della Basilica dell'Annunziata, Via Annunziata 34 
  • Contributo organizzativo: 6 euro 
  • Durata: 120 min 
  • Gruppo: max 20 pax 
  • Per info e prenotazione obbligatoria:3472374210 locusisteinfo@gmail.com 

I suggerimenti della settimana

Post del momento

VISITA GUIDATA: La Napoli Nascosta: un viaggio nel passato - 17 settembre 2017

Un Viaggio nel passato di tremila anni di storia dal Giardino di Babuk al ventre di via Foria tra antiche cisterne, ipoge...