DENNIS BROWN TRIBUTE: EARL 16 & THE ROOTS DEFENDER LIVE



Il mese di febbraio non celebra solo il compleanno del re del reggae Bob Marley ma anche quello di un'altro straordinario artista che ci ha lasciato prematuramente: si tratta del grande Dennis Brown, cantante giamaicano nato il primo febbraio del 1957. è considerato ancora oggi uno dei più grandi cantanti reggae e fu proprio Bob Marley che gli diede il titolo di “The Crown Prince of Reggae”.

A distanza di quasi 17 anni dalla sua scomparsa, il sound system napoletano "bababoom hi fi " propone un tributo in suo onore con l ' eccezionale partecipazione di una delle più belle voci del panorama reggae mondiale : Earl Sixteen

Earl Sixteen (kingston-jamaica) è un veterano della musica tradizionale giamaicana che ha ispirato artisti del panorama moderno della nuova roots music e che ha saputo esportare la sua voce inconfondibile, caratterizzata da un falsetto dolce e soffiato, per incidere classici lavori che rimarranno nella storia della musica reggae mondiale. Inizia la sua carriera a 16 anni in Giamaica con le produzioni registrate al “Black Ark Studio” di Lee Perry e a “Studio One” di Coxsone Dodd sfornando pietre miliari come “Freedom”, “Soldiers of Jah army” e “Malcom X” vero inno di rivendicazione di libertà e di uguaglianza per il popolo afroamericano. Durante la sua carriera di quaranta anni di lavoro Earl Sixteen ha realizzato lavori trasversali accostandosi anche al mondo della musica elettronica, prestando la voce ai Leftfield per l’album “Leftism” e continuando le sue produzioni con Jah Shaka, Gussie P e Manasseh .

La band che affiancherà Earl Sixteen è la Roots Defender Band tra le realtà più conosciute in Italia e in Europa che ha accompagnato in tour artisti del calibro di Michael Prophet, Martin Campbell, Johnny Clarke, Mad Professor, Sista Aisha.

INFO GENERALI:

I suggerimenti della settimana

Post del momento

VISITA GUIDATA: La Napoli Nascosta: un viaggio nel passato - 17 settembre 2017

Un Viaggio nel passato di tremila anni di storia dal Giardino di Babuk al ventre di via Foria tra antiche cisterne, ipoge...