SPETTACOLO DI SIMONE SCHETTINO

Il Natale al teatro “Troisi” è tutto da ridere. La sala del Rione Lauro ospiterà, fino al 3 gennaio, “Se tocco il fondo… sfondo” con Simone Schettino e Gennaro Piccirillo per la regia di Vincenzo Coppola. 
SINOSSI. Un concorrente di origini napoletane è protagonista per una sera della trasmissione televisiva “Uno qualunque”. Un’arena mediatica, dove tutto va bene pur di conquistare l'audience. Il protagonista ignaro viene dato in pasto a un pubblico televisivo sempre più vorace e
incolto, un gioco al massacro nel quale suo malgrado si fa coinvolgere.
Pur di raggiungere l’ambito contratto messo in palio dalla Rete, il concorrente accetta di impersonare il peggiore cliché del napoletano furbo, disonesto e dallo stile esasperatamente trash, prestandosi alle manipolazioni dello spregiudicato ed egocentrico presentatore che gli cuce addosso un passato fatto di povertà, abbandono ed infimo degrado. Se Il successo è il premio, la dignità è il prezzo che il protagonista accetta di pagare, umiliando non solo il suo nome ma anche quella della sua città, del suo popolo, dei suoi amici e della sua famiglia. Pur di “sfondare”, è pronto a toccare il fondo. Ma è la stessa dignità del soggetto che sentendosi calpestata e svilita comincerà a ribellarsi, quasi come fosse un corpo estraneo al personaggio, appunto per mettere fine a tutto lo squallore.

TEATRO TROISI | STAGIONE 2015/2016
DAL 25 DICEMBRE 2015 | SE TOCCO IL FONDO…SFONDO
di S. Schettino e V. Coppola
con Simone Schettino, Gennaro Piccirillo
e con Roberto Capasso, Ornella Varchetta, Pino Mosca
e il Corpo di Ballo
Musiche di Antonio Annona
Regia di Vincenzo Coppola



Date: 25, 26, 27 dicembre; 2 e 3 gennaio
Orari: venerdì e sabato ore 21; domenica ore 18
Prezzi: € 25
Botteghino: 081 62 99 08 (dal martedì al sabato ore 10/13.30 e 16/20) e info@teatrotroisinapoli.it

I suggerimenti della settimana

Post del momento

VISITA GUIDATA: La Napoli Nascosta: un viaggio nel passato - 28 maggio 2017

La Napoli Nascosta: Tremila anni di storia dal Giardino di Babuk al ventre di via Foria tra antiche cisterne, ipogei e rifugi ...