CARUSONAPOLIJAZZ AL MUSEO NAZIONALE


Dopo il successo di Palazzo Zevallos, il pianista Francesco D’Errico torna ad esibirsi per il Grand Tour, "Campania e la Musica. Omaggio a Caruso"
a cura di Laura Valente, con lo spettacolo "Carusonapolijazz" un viaggio nel repertorio americano amato dal grand tenore e nelle "sue" canzoni, accompagnato da una visita alla scoperta del Museo Archeologico Nazionale di Napoli, una delle prime gallerie d’arte d’Europa, ospitata in un monumentale palazzo seicentesco tra la fine del Settecento e gli inizi dell’Ottocento.Visualizzazione di Museo Nazionale Archeologico di Napoli.jpg


Il Museo può vantare il più ricco e pregevole patrimonio di opere d’arte e manufatti di interesse archeologico in Italia. In esso sono esposti oltre tremila oggetti di valore esemplare e conservati centinaia di migliaia di reperti databili dall’età preistorica alla tarda antichità, sia provenienti da vari siti antichi del Meridione, sia dall’acquisizione di rilevanti raccolte antiquarie, a partire dalla collezione Farnese appartenuta alla dinastia reale dei Borbone, fondatori del Museo. D'Errico con la sua straordinaria tinta di interprete, ci restituisce una selezione di melodie a Caruso in chiave jazz, con un piccolo omaggio anche all’America e al suo compositore simbolo, George Gershwin. 

Appuntamento alle ore 11 presso la biglietteria el Museo Archeologico di Napoli, piazza Museo 19, Napoli. Per partecipare al Grand Tour di Campania>Artecard è necessaria la prenotazione al numero verde 800 600 601 o allo 06 39 96 76 50 per cellulari o dall’estero. Tariffe: grand tour card 12 euro, ingresso gratuito per i ragazzi fino a 14 anni. Prenotazione obbligatoria.

INFO GENERALI

  • Grand Tour di Artecard
  • Carusonapolijazz
  • Museo Archeologico Nazionale di Napoli
  • Piazza Museo 19
  • Domenica 15 novembre ore 11
  • Visita guidata e concerto di Francesco D'Errico

I suggerimenti della settimana

Post del momento

VISITA GUIDATA: La Napoli Nascosta: un viaggio nel passato - 17 settembre 2017

Un Viaggio nel passato di tremila anni di storia dal Giardino di Babuk al ventre di via Foria tra antiche cisterne, ipoge...