JE SO' PAZZO - Bass Festival II 10-12 Settembre @ Parco dei Camaldoli

Dal 10 al 12 Settembre l'Ex OPG "Je so' Pazzo" si trasferisce idealmente al Parco dell'Eremo dei Camaldoli. Stupendo parco pubblico che ospita al suo interno un anfiteatro che abbraccia un panorama dalla costiera sorrentina fino alle isole.
Tre giorni in cui le frequenze basse che scorrono nelle vene dell'Ex OPG e dei tanti che in questi primi mesi hanno partecipato alla sua occupazione, liberazione e restituzione alla città, potranno trovare sfogo, accompagnate dall'esperienza visual del videomapping che è di stanza da qualche mese a Materdei


Dal reagge alla dub, passando per l'elettronica, finendo in crescendo con la drum'n'bass, gli amanti e non delle frequenze basse, di quelle vibrazioni che salgono dalle gambe per arrivare fino all'ultimo capello avranno tre giorni per ballare fino allo sfinimento, per un ultimo weekend d'estate e per dimenticare che le vacanze (per chi le ha avute!) stanno finendo. 

Questo festival chiude idealmente questi primi mesi di occupazione, mesi in cui abbiamo testato con mano la forza che la partecipazione collettiva può sprigionare in questa città e che ci ha fatto intravedere le possibilità enormi che abbiamo per dire la nostra da tutti i punti di vista: politico, sociale, artistico. Non solo abbiamo da dire la nostra, ma siamo convinti che quello che diciamo e il modo che proponiamo sia assolutamente più democratico e risponda alle esigenze della maggioranza. 

Insomma questo festival ci permetterà soprattutto di raccogliere fondi per migliorare e implementare tutte le attività e le strutture dell'Ex OPG , senza tradirne lo spirito, mantenendo i prezzi di ingresso alle serate, del bar, del cibo, il più popolari e bassi possibili. 
Ed è per questo che chiediamo a tutt*, come sempre, di dare il proprio contributo facendo girare l'evento, prendendo i flyer e i manifesti che saranno disponibili da questo weekend e distribuendoli, facendo girare la voce, venendo in quelle giornate anche a darci una mano a gestire la tre giorni. 

L'anno comincia, strappiamo quest'ultimo squarcio di vacanza e poi ci andiamo a prendere tutto il resto.


JE SO' PAZZO - BASS FESTIVAL

10-12 Settembre 2015
Parco dell'Eremo dei Camaldoli (Strada Privata Rai)



  • III GIOVEDI 10 SETTEMBRE II reggae/roots/dub
DREADLOCKS ARENA #2
2 Mighty Sound Systems in 1 Arena
★ 48 ROOTS Sound System
(per la prima volta a Napoli)
feat. Papa Rizla and more guests from Capra Dread Records
★ Bababoom Hi Fi Sound System
feat Chiliman and I-Jahman Sufferah
dalle ore 21:00

  • III VENERDI 11 SETTEMBRE II elettronica
★ Silicon Dust live
★ Fukada Tree dj set
★ Ear Injury dj set
dalle ore 23:00


  • III SABATO 12 SETTEMBRE II dRUM'N'BASS
★ Mefjus (prima volta nel Sud Italia)
★ FAMILY TREE showcase
Shaman aka radio Shana - Mc2C aka militant Dub - Miss Criss - Radiation
dalle ore 23:00

STAGE MAPPING 11 e 12 SETTEMBRE a cura di
★ Kanaka project feat Laboratorio Videomapping Ex OPG "Je so' Pazzo"



---
DREADLOCKS ARENA #2
Torna la Dreadlocks Arena a Napoli. L'evento promosso dalla Capra Dread Records assieme ai compagni dell'Ex Opg Occupato "Je so' Pazzo", dopo la prima notte al centro storico, lo scorso Maggio, in compagnia di 13 cantanti. La Dreadlocks Arena arriva alla sua seconda edizione nella bellissima cornice del Parco dell'Eremo dei Camaldoli, giovedì 10 Settembre nella prima giornata del "Je so' Pazzo Bass Festival". Per l'occasione ci saranno due sound System Reggae, Roots e dub nell'arena. 



48 ROOTS sound system "the traditional roots rock reggae sound system"
Full sound e full crew con Capra Dread, Taio Hi-Fi, Dan Smallaxe, Mr Chip, sound resident del Sottotetto Soundclub di Bologna, hanno suonato con i maggiori esponenti della cultura dei sound system roots & dub come Jah Shaka, Aba Shanti-i, Jah Observer, Mad Professor, solo per citarne alcuni. Arriveranno per la prima volta a Napoli e nel sud Italia con il loro impianto e la loro selezione prettamente Roots. 



L'altro sound system presente nella Dreadlocks Arena sarà il BABABOOM HI-FI "ThE original roots defender"
sound ben noto alla massive napoletana, che da 11 anni spinge Reggae, Dub e Culture con il proprio potente impianto autocostruito su e giù per la penisola e anche in UK, Francia e Romania. Un'intensa attività di promozione di eventi musicali li ha visti negli ultimi anni al fianco di tutti i principali nomi della scena dub europea e di molti artisti Giamaicani. Dal 2012 stampa in vinile sull'etichetta omonima artisti come Johnny Clarke, Afrikan Simba, Kojo Neatness e molti altri. 
Oltre ai due impianti, saranno tanti i Singers and Mc's al microfono, ospiti speciali e membri delle crew come Satta, Capra Dread, Papa Rizla, Chiliman, I-Jahman Sufferah, Danny Kingston, Bantu, Matt Jah e tante altre special guests.



Consiglio per gli appassionati: non perdetevi nemmeno un minuto di questa Dread locks Arena #2




---
SILICON DUST
“Silicon Dust” è il nome del progetto di musica elettronica formato da Naro e Spin. Il nome lascia intuire già tanto: sabbia, terra, calore, microchip, computer, tecnologia, macchine: cose artificiali e non, insomma. E se ciò è il presupposto che detta atmosfere e imprinting del sound di questo gruppo, il resto è tutto da ascoltare e da vedere. L’intento comune è quello di sperimentare l’esecuzione dal vivo di sonorità, sample e groove, che comunemente vengono ricercate e prodotte in studio. Naro alle tastiere, sintetizzatori, programmazione e controllo sequenze, oltre a filtri ed effetti vari; Spin alla preparazione e controllo sequenze di campioni ed effetti; dal vivo costituiscono, nel loro insieme, un ensemble davvero interessante, specie durante le performance live, veri e propri concerti "al silicio puro". Una band che propone una miscela di differenti ascendenze musicali, fuse tra loro grazie a una continua e dinamica ricerca avanguardistica, essenzialmente in ambito elettronico, digitale e innovativo.




---
FUKADA TREE dj set
Stanislao Costabile “Spike” (dubmaster) e “Aram” Marina Andrielli (voce e autrice dei testi).



Mai porre limiti all’elettronica. Ecco perché nel 2009 vengono al mondo i Fukada Tree, un progetto autogeneratosi dall’incontro di musicisti giovani ma non nuovi alla scena underground locale e nazionale, tutti nati a Cosenza. 
Dub, dubstep, trip-hop sono solo le coordinate principali del gruppo calabrese, il cui nome rende omaggio al sistema di amplificazione del surround a forma di albero - ideato dall’ingegnere omonimo giapponese - la cui mission principale è la libera esplorazione della musica, evitando a tutti i costi di restare incagliati nelle maglie dei generi. 



Fin dalle prime note la band di Spike e Aram si distingue per stile ed originalità. Tra le band devote all'elettronica nel sud Italia, i Fukada si fanno apprezzare già dai primi live-sets in Calabria facendo della contaminazione il loro elemento distintivo. 



Per i Fukada Tree è sempre un Work in Progress tra le contaminazioni che li contraddistinguono, e sono oggi under work in progress per la produzione di nuovi singoli.



This is Fukada Tree_Stay Dub!




---
EAR INJURY
Gli Ear Injury sono un gruppo di musica elettronica nato a Napoli nel Settembre del 2011. Il sound è caratterizzato da una mistura di varie correnti di musica elettronica (big beat, drum ‘n’ bass, dubstep, dub, jungle, electro rock) riunite da una comune chiave di lettura. I live rispecchiano l’onda d’urto sonora che la loro musica si pone come obiettivo, a volte anche attraverso l’utilizzo di varie forme di visual art. Finalisti del Concorso “Rock’n’Law” indetto dall’etichetta Napoletana “Subcava Sonora”; hanno partecipato, raggiungendo una buona posizione in classifica, al contest “Skrillex & Damian Marley - Make it bun dem remix” realizzato sulla piattaforma americana Beatport.com; , si sono esibiti sul palco del “Meeting del Mare 2013” aprendo il concerto dei Club Dogo, e sul palco della “Festa della Musica di Caposele 2013”; 4° classificati alla finale regionale campana di “Emergenza Festival 2013” e hanno calcato alcuni importanti palchi nazionali come il “Viper Theatre” a Firenze, lo “ZooBar” a Roma e “Casa Della Musica” a Napoli.




---
MEFJUS
Proveniente da una fucina di talenti, l’Austria, Mefjus ora vanta una reputazione mondiale con il suo stile inconfondibilmente furioso che continua a sputare fuoco e fiamme sulla drum and bass. Il fenomeno Mefjus è esploso nel 2012 con "Far Too Close/ Distantia” su Neodigital (etichetta Phace e Misanthrop) La sua ascesa definitiva alla fama è avvenuta nel 2013, dove la potenza della sua nerofumo è esplosa con “Mythos”, un pezzo chirurgicamente perfetto che ha dilaniato i piedi e la mente di chiunque ballasse a 175 bpm. Nel 2013 firma anche con Critical Music dove il futuristico super-produttore continua a definire lo standard con un repertorio di paesaggi sonori turbolenti, bassi impeccabili e dj set che di sicuro proiettano Mefjus nell’olimpo dei dj drum&bass contemporanei.




---
FAMILY TREE (Shaman Mc2c Miss Criss Radiation)



---
KANAKA PROJECT
Nasce nella primavera del 2011, come studio tecnico/creativo multidisciplinare. La nostra società fornisce competenze innovative e di alta qualità in ambito di architettura, design, marketing e pubblicità, offrendo ai propri clienti servizi completi e del tutto personalizzati di rendering, animazione 3D, motion graphic, A/V Mapping, sound design, allestimento, scenografie e interactive design. Come artigiani della contemporaneità, cerchiamo di rendere unico, sorprendente ed evocativo ogni progetto, atteggiamento grazie al quale ci siamo guadagnati la fiducia di clienti leader in molti settori, nazionali e internazionali. La capacità di venire incontro al cliente, oltre alle grandi competenze multidisciplinari, ci consentono di rispondere alle richieste di un mercato in continua evoluzione.






---
LABORATORIO VIDEOMAPPING "Ex OPG" Je so' PAzzo
Dall'esperianza dell'Ex OPG Occupato Je so' Pazzo di Materdei e da uno dei primi laboratori svoltosi nei suoi spazi a cura di Andrea Maioli di Kanaka Project, nasce il laboratorio permanente di videomapping e artivisive dell'Ex OPG "Je so Pazzo", che mette in scena, come primo risultato, assieme al teatro popolare e a Mc2C l'Arte della Guerra di B. Brecht e un'esibizione di videomapping all'aperto proprio nello spiazzale antistante l'ex ospedale psichiatrico giudiziario. Una nuova e interessante frontiera comunicativa che fondendosi con i contenuti e le pratiche che prendono corpo All'Ex OPG, prova a misurarsi con l'incontro tra conenuto e realizzazione, l'utilizzo l'arte visiva come strumento di lotta.



---
Ex OPG Occupato "Je so' pazzo"
Je so’ pazzo è un ex-opg (ospedale psichiatrico giudiziario) occupato nel marzo 2015 da un gruppo di studenti, lavoratori, disoccupati, per sottrarlo all’abbandono e per restituirlo alla città, per ricostruire la memoria di questo luogo terribile di esclusione e tortura, e lanciare percorsi di mobilitazione a partire dalle nostre concrete esigenze: dal lavoro al territorio, dalle scuole alle università, dalla casa alla sanità.






-----------------------------------------------------------------------------------------------
PARCO DELL'EREMO DEI CAMALDOLI (STRADA PRIVATA RAI)
COME ARRIVARE:



COORDINATE GPS:
40° 51' 39.21'' N
14° 11' 29.58'' E



--------------------------------------
DA NAPOLI:
BUS N. C44 dalla fermata della Metro "POLICLINICO" linea 1
PER IL RITORNO>> AUTOBUS N4, parte dal piazzale avanti il PArco dei Camaldoli ed è diretto al centro storico di Napoli



--------------------------------------
IN AUTO DA FUORI NAPOLI:
TANGENZIALE di Napoli USCITA "CAMALDOLI" girare su
VIA GABRIELE JANNELLI (percorrerla tutta)
all'incrocio girare per
VIALE IGNAZIO LAYOLA (percorrerla tutta)
girare su
VIA DELL'EREMO girare su
STRADA PRIVATA RAI



--------------------------------------
IN TRENO DA FUORI NAPOLI:
fermata NAPOLI CENTRALE
METROPOLITANA linea 1 fermata "POLICLINICO"
BUS N. C44K

I suggerimenti della settimana

Post del momento

‘ A TOMBOLA SCOSTUMATA CU ‘A MERENNA SPETTACOLO - 9 dicembre 2017

NATALE è alle porte, si avvicina il periodo più bello dell’anno e con esso la magica e caratteristica atmosfera che lo contrad...