San Leucio, il sogno di seta del Re Nasone

Domenica 15 Marzo le guide di Napoli e dintorni vi accompagneranno alla scoperta di San Leucio, esempio di archeologia industriale praticamente intatto.
Un’antica fabbrica settecentesca che racchiude tutto il fascino di quella che fu l’utopia di Re Ferdinando IV.
Visitando il borgo con le case degli operai leuciani, il Palazzo con il Belvedere ed il setificio con le antiche macchine restaurate, si ha la sensazione che a San Leucio il tempo si sia fermato.

Il percorso di visita al Museo del Belvedere è il seguente:

- Archeologia industriale, con percorsi didattici sulla produzione della seta, dall’allevamento del baco alla creazione del filo di seta fino a quella del tessuto, mostrando gli antichi telai restaurati e perfettamente funzionanti ed i Torcitoi azionati dalla ruota idraulica.

- Appartamento Reale, tra le altre stanze, tutte riportate al loro primitivo splendore grazie ad un buon lavoro di restauro, il Bagno di Maria Carolina con i dipinti ad encausto di P. Hachert e la grande vasca in marmo; la sala da pranzo; la stanza da letto con il soffitto dipinto da G. Cammarano; il coretto che dà sulla chiesa di San Ferdinando re.

- Giardini del Belvedere, giardini all'italiana disposti su terrazzamenti.



La visita è disponibile solo su prenotazione e si effettuerà al raggiungimento di minimo 20 persone.


Appuntamento: domenica 15 Marzo, h. 11.30 presso la biglietteria del Belvedere. La visita guidata inizierà alle h. 12.00.

Contributo di partecipazione: 5€ fino a 14 anni, 10€ adulti (biglietto d’ ingresso al Complesso Monumentale incluso).

La visita verrà svolta da guide turistiche abilitate dalla Regione Campania.

Per info e prenotazioni contattare:



Visite guidate Napoli e Dintorni
3475616038-3348034851-3477563742

infonapoliedintorni@gmail.com
www.facebook.com/NapolieDintorniUnParadisoAbitatoDaDiavoli

I suggerimenti della settimana

Post del momento

VISITA GUIDATA: La Napoli Nascosta: un viaggio nel passato - 17 settembre 2017

Un Viaggio nel passato di tremila anni di storia dal Giardino di Babuk al ventre di via Foria tra antiche cisterne, ipoge...