L'Arte della Felicità 2014 - Decima Edizione dal 29 Settembre al 5 Ottobre

Decima Edizione

Napoli, 29 settembre - 5 ottobre 2014

"Penso ad una felicità duratura che si raggiunge da una completa trasformazione della mente e che può essere ottenuta coltivando la compassione, la pazienza, la saggezza"

Tenzin Gyatso XIV Dalai Lama


"Per sapere quanta felicità una persona può ricevere nella vita, basta sapere quanto è capace di darne."

Albert Camus


Dieci anni di Arte della Felicità
Francesca Mauro e Luciano Stella

In tutti questi anni abbiamo esplorato con voi argomenti e territori e teorie ed esperienze riguardanti l'Arte della Felicità.
Non siamo giunti ad una meta. Forse questa meta non è raggiungibile, non esiste in quanto tale. "Non c'è una strada per la felicità, la felicità è la strada" ha detto qualcuno. E noi siamo stati felici di provare a percorrere insieme a tutti voi questa strada.

E' evidente che tutti abbiamo, energie, capacità, potenzialità. Ed è evidente che tutti noi viviamo i nostri dolori, invidie, odi, rabbie, paure e tutta l'ampia gamma delle nostre emozioni negative. Eppure tutti desideriamo star bene ed essere felici, sia a livello materiale che mentale.
Sperimentiamo spesso che il solo benessere materiale non è di per sé sufficiente ad eliminare la sofferenza e l'insoddisfazione mentale. 
E, all'opposto, sperimentiamo a volte che una maggiore soddisfazione mentale sembra dare un benessere più ampio e stabile al di là della situazione materiale, economica, fisica, sensoriale.

Dunque per noi l'Arte della Felicità non è un pensiero "corto" che ricerca un interesse egoistico immediato. E' un pensiero più largo e lungimirante che coniuga responsabilità individuale e sociale. Più egoismo porta più stress, più attitudine aperta e solidale sembra portare più tranquillità e soddisfazione. E' una cosa elementare ma molto utile, pratica, di reale e sperimentabile beneficio. Forse L'Arte della Felicità è un'arte della liberazione, un'arte della libertà (dai condizionamenti, dai giudizi e dai pregiudizi). E' un'arte dell'amore, dell'apertura della intelligenza e del cuore (verso se stessi, verso gli altri, verso la natura e la comunità in cui viviamo).

In molti paesi dell'Oriente i termini Mente e Cuore sono espressi da un'unica parola, un unico vocabolo. Intelligenza e Cuore. Saggezza e Compassione. Un'unica base, larga e solida, per una vita più felice.
L'Arte della Felicità allora si configura per noi come un'arte dell'impegno, del rispetto della vita propria e altrui, del benessere proprio e altrui. Ognuno secondo le proprie attitudini può contribuire a migliorare se stesso, il mondo, le relazioni della e nella comunità.

Alcuni elementi ci paiono particolarmente preziosi per alimentare la nostra felicità. La consapevolezza è il primo che è in una relazione feconda con la felicità. Consapevolezza di sé e delle proprie capacità e limiti, di sé nella relazione con gli altri. L'accettazione è un secondo elemento utile. La capacità di fare i conti con le situazioni, con i limiti, con gli inevitabili "cataclismi" della vita. Il desiderio, che è energia vitale, elemento di progettualità, di disegno, di visione, di creazione, di evoluzione, è anch'esso in una relazione feconda con la felicità.

La gentilezza è un quarto elemento che può "nutrire" la felicità. La gentilezza che cura se stessi, che ha cura degli altri, che cura la natura, che cura le relazioni.
Non si tratta di sperimentare qualcosa di spirituale o religioso ma di agire il più possibile con una motivazione e un'attitudine che porti felicità a se stessi e agli altri con benefici a lungo termine. Forse su tratta di operare - come dice un grande saggio tibetano - per un "EGOISMO INTELLIGENTE", implementare cioè azioni altruistiche per riceverne un proprio beneficio reale e diretto.
Perché l'altruismo non è assolutamente negare sé stessi quanto piuttosto curare sé stessi da rabbie, paure, conflitti, spirito di vendetta, invidie che ci divorano fisicamente e mentalmente, che ci minano nella mente e nel corpo. 
Non sappiamo se la nostra natura ultima sia - come dicono alcuni - chiara, luminosa, positiva. Ma certamente altruismo, consapevolezza, accettazione e gentilezza sono un buon viatico per vivere meglio e un po' più felici.

Tutte le informazioni per partecipare ai Dialoghi della decima edizione de l'Arte della Felicità - Incontri e Conversazioni!

L’Arte della Felicità torna a Napoli dal 29 settembre al 5 ottobre 2014!

E, dal 5 settembre, sono aperte le iscrizioni per partecipare ai ‘Dialoghi’:

  • Lunedi 29 settembre ore 21.00 – 23.00 
DIALOGO IN MUSICA 
con il cantautore Giovanni Block

  • Mercoledi 1 ottobre ore 21.00 – 23.00 
LA GRANDE BELLEZZA: UN MESTIERE IMPOSSIBILE? 
con lo psicologo e psicoterapeuta Oscar Nicolaus

  • Venerdi 3 ottobre ore 21.00 – 23.00 
VIVERE CON TIZIANO
con la scrittrice Angela Staude Terzani

  • Venerdi 3 ottobre ore 21.00 – 23.00 
L’ARTE DELLA FELICITA’ – IL PIACERE DI PENSARE
con la psicoanalista Diomira Petrelli

Moderano:
Alessandra Cataldi
Marialuisa Firpo
Luciano Stella

I DIALOGHI sono momenti di incontro e confronto che si svolgono in case private e luoghi di lavoro, con gruppi di circa quaranta persone.
Vogliono essere uno spazio caldo ed accogliente, in cui la riflessione e il confronto diretto siano facilitati.

Per partecipare è necessario prenotarsi
inviando un fax al numero: 081 4203654
o una e-mail a artedellafelicita.prenotazioni@gmail.com
con l’indicazione dell’evento scelto (data e relatore), nome e cognome, telefono, e-mail e copia leggibile di un documento di riconoscimento
(cfr. informativa privacy d.lgs.196/03).

La prenotazione - gratuita - risulterà valida solo se confermata via mail dalla Segreteria Organizzativa de l’Arte della Felicità.

Vi aspettiamo!
Per ulteriori info: (+) 39 081 5527106

I suggerimenti della settimana

Post del momento

Salvador Dalì a Napoli - Una mostra unica al PAN - Fino al 10 giugno 2018

“ Io Dalí”, la nuova mostra   al  PAN|Palazzo delle Arti Napoli   dal  1 marzo al 10 giugno 2018 , passerà in rassegna, attraverso d...