EDUARDIANA - Da sabato 6 a lunedì 8 settembre al Maschio Angioino

Un fitto calendario di eventi: rappresentazioni teatrali, convegni, mostre per ricordare Eduardo De Filippo a trent'anni dalla morte.

Da sabato 6 a lunedì 8 settembre al Maschio Angioino
Tutte la iniziative in corso a Napoli ed in programma nei prossimi mesi, incluse nel programma del Forum Universale delle Culture e/o promosse dal Comune di Napoli e da altri soggetti ed istituzioni culturali.
Da sabato 6 a lunedì 8 settembre al Maschio Angioino "Napoli nella tempesta" Versione in napoletano arcaico,
di Eduardo del Filippo de "La tempesta" di Shakespeare
Con Mariano Rigillo, regia di Bruno Garofalo, musiche originali di Antonio Sinagra.

Il 6 settembre anteprima nazionale di "Napoli nella tempesta" con Rigillo

A 30 anni dalla sua morte la città di Napoli e il Forum Universale delle Culture ricordano Eduardo De Filippo, con un programma dal titolo "Eduardiana", curato dal Comitato per le Celebrazioni Eduardiane e che si sviluppa nei mesi di settembre ed ottobre.
Spettacoli, convegni e seminari che mettono in luce il ricchissimo lavoro di autore di Eduardo e la sua affascinante figura di attore, regista, sceneggiatore e di raffinato intellettuale che ha saputo indagare l'animo umano, le sue debolezze e le sue paure.

Il programma ha due valenze: da una parte si è voluto mettere in risalto l'aspetto transnazionale dell'opera eduardiana, dall'altro si rivolge in maniera formativa al pubblico di giovani e giovanissimi, con particolare riguardo verso coloro che provengono da situazioni di disagio e marginalità, lontani dalla cultura e ostacolati nell'accesso alla conoscenza.
"Eduardiana" con i suoi vari appuntamenti è un'indagine a tutto tondo su uno dei grandi protagonisti della cultura del Novecento, punto di riferimento nel mondo del teatro da oltre 50 anni, e una ricognizione di cosa è oggi l'eredità eduardiana in un'epoca di globalizzazione e di informazione in tempo reale.

Il primo appuntamento nell'ambito del Forum Universale delle Culture è un'attesa anteprima nazionale al Maschio Angioino dal 6 all'8 settembre (ore 21.00): lo spettacolo "Napoli nella tempesta", versione in napoletano arcaico di Eduardo De Filippo de "La Tempesta" di Shakespeare, con Mariano Rigillo per la regia di Bruno Garofalo e le musiche originali di Antonio Sinagra.
L'ingresso al Maschio Angioino per "Napoli nella tempesta" sarà gratuito ma su prenotazione da effettuarsi al numero telefonico: 324 5949643.



Il ciclo di convegni sarà invece aperto da "Eduardo: precursori, modelli, compagni di strada e successori", in programma dal 25 al 27 settembre, a cura del prof. Francesco Cotticelli della Seconda Università degli Studi di Napoli.
Gli incontri, che avranno come relatori autorevoli studiosi di teatro e drammaturgia italiani e non solo, promuoveranno un'analisi sulla declinazione di un'esperienza antichissima del teatro europeo e il suo rapporto con il teatro del XX secolo, dove l'opera teatrale eduardiana diventa crocevia di rapporti familiari e di compagnia, immaginazione ed orizzonte d'attesa di chi condivideva le sorti dell'impresa del capocomico.

Il figlio di Eduardo, Luca De Filippo e l'attore Toni Servillo saranno gli ospiti d'eccezione del simposio, "Eduardo De Filippo e il teatro del mondo", sulla diffusione del teatro di Eduardo, con uno sguardo particolare alle traduzioni e agli adattamenti (23 e il 24 ottobre a cura dell'Università degli Studi di Napoli Federico II).
Il Teatro San Ferdinando, "casa" di De Filippo e luogo culto della città di Napoli sulla figura del genio teatrale, sarà infine il palcoscenico di reading, monologhi e installazioni di arte contemporanea a partire dal 7 ottobre.

Ad inaugurare la settimana di eventi al San Ferdinando ci sarà il 7 e 8 ottobre la messa in scena dell'unica opera di Enzo Moscato dedicata a De Filippo "Ta-­kai-ta", un lavoro non sull'artista ma un viaggio intorno all'uomo e i suoi sentimenti.



Da sabato 6 a lunedì 8 settembre al Maschio Angioino "Napoli nella tempesta", versione in napoletano arcaico, di Eduardo del Filippo de "La tempesta" di Shakespeare


Con Mariano Rigillo, regia di Bruno Garofalo, musiche originali di Antonio Sinagra.

"Napoli nella Tempesta" è un'opera concerto, che propone le musiche e le canzoni del M° Sinagra scritte parallelamente alla stesura del testo. Uno spettacolo tra musica e teatro in brani recitati che rappresentano i passi principali dell'opera eduardiana: in scena il vecchio Prospero, che accoglie sulla sua Isola, i naufraghi reduci dalla Tempesta, completati da alcuni affascinanti dialoghi con Ariel, il folletto dell'aria che lo segue in tutte le sue azioni, e con Calibano, suo schiavo, liberato da un tremendo incantesimo, che lo teneva prigioniero nel tronco di un albero dell'Isola misteriosa, e infine con Miranda, amata dal vecchio Mago, voce della sua coscienza e oggetto di tutto l'amore di cui un essere umano può disporre.


(fonte: Comunedi 

I suggerimenti della settimana

Post del momento

FOTO - Molo Beverello: ecco come sarà e quando...

Il progetto presentato con questo rendering è di circa 20 milioni di euro e prevede di radere al suolo tutto il molo Beverello e c...