LETTERA DI UN GIOVANE TIFOSO DEL NAPOLI ALLE SUE AMATE CURVE A e B....

Carissime e mie amate curve delle stadio San Paolo di Napoli:

Sono un ragazzo di 14 anni e Sabato sera ero allo stadio con il mio Papà e mio Zio, nel settore distinti a vedere Napoli - Milan...
Ero emozionatissimo e contentissimo... Il mio papà non è ricco, si è appena separato dalla mamma e lavora in un'azienda agricola,ha speso tanti soldi pere portarmi allo stadio solo per vedermi felice... mio Zio vive a Bergamo e visto che la sua ragazza l'ha lasciato da poco, Il Napoli in questo momento è l'unico amore che ha... 
Siamo arrivati intorno alle 19.30 allo stadio, nemmeno il tempo di mangiare il mio panino ed entrano in campo 12 ragazze bellissime che ballano... Mio Zio era in lacrime, io con lingua da fuori, quando ad un certo punto sento fischi assordanti da parte delle curve contro queste splendide ragazze...
"Papà perchè fanno così"? gli chiesi... Forse non amano le donne? Il mio papà fece finta di non sentire e continuò a mangiare nervosamente il suo panino... Era in tensione pre match forse...
Arrivano i ragazzi in campo, è il momento del riscatto... Higuaìn è carico, Insigne è il mio idolo, mi alzo in piedi e grido "vai Lorenzo facci sognare"...
Si avvicinano le 20.45, lo speaker annuncia le formazioni, Mio Zio gode perchè Reveìllere non è nemmeno in panchina, "poverino" è anzianotto dico io...
Siamo pronti, carichi, quando ad un certo punto dalla Curva B compare uno striscione che mi ha lasciato triste e perplesso:

"UCCIDI I NOSTRI SOGNI PER SODDISFARE I TUOI BISOGNI...
MEGLIO LA C CHE UN PRESIDENTE COSI'"

Poi è iniziata la partita e non ci ho fatto più caso...
Si soffre, segna il Milan, poi pareggia Inler non tanto amato dal mio grande Zio e poi arriva il Gol di Higuaìn, tanta gioia, sono troppo felice...

Soffriamo tanto, tutto lo stadio sostiene la squadra sul 2-1, beh quasi tutto, perchè dalla due curve incomincio a sentire un coro ripetuto e straziante che fa più o meno così:

"IN UN MONDO CHE NON CI VUOLE PIU' CANTERO' DI PIU' CANTERO' DI PIU' OHOHOHOHOHOHOHOHO"

Resto basito... Chiedo a Papà il perchè di questi cori lui mi risponde: "Sono dei cretini, questo è il motivo per cui non ti porto mai in curva"....

Passo avanti, si soffre ancora e poi arriva la doppietta del Pipita, volano parolacce di sfogo dalla bocca di mio Zio ma gli perdono tutto...
Finisce la partita, tutto lo stadio canta O'Surdato NNamurato, o meglio quasi tutto perchè le due curve fischiano il nostro inno, per carità rivisitato non è bello, ma è sempre il nostro inno cavolo!!! Ma niente!!! continuano a cantare quel coro fasitdioso ed inutile OHOHOHHOHOHHOHOHO IL MONDO CHE NON CI VUOLE PIU'...

Torno a casa da mia madre, come al solito nervosa e agitata quando Papà mi porta allo stadio e le racconto la mia felicità...
Però quando resto da solo... incominicio a dimenticare le cose belle che mi aveva lasciato il San Paolo e penso a quelle brutte:

Perchè mie care curve, cuore pulsante del tifo partenopeo vi comportate così'?
Il Napoli non è solo una squadra di calcio è molto di più, è lo specchio della nostra città...
Quando il Napoli perde mia Nonna ha una voce funerea, le dico sempre: "Nonna che succede, hai la pressione bassa?" lei mi risponde sempre "Ma che hanno fatto? perchè hanno giocato così male"....
Nei bar e nei negozi quando perde il Napoli c'è un'aria grigia e di depressione, invece quando vinciamo mi offrono il caffè e i decibel di tutti sono elevati...

Perchè curve, andate contro chi vuole dare lustro alla nostra città?
Le critiche se costruttive hanno sempre un senso... De Laurentis a volte parla troppo a vuoto, promette e spesso non mantiene, lo farà anche per un suo tornaconto personale, ma a me non importa, rende felice tanti Napoletani, mia nonna il mio papà e mio Zio...
Perchè questi ragazzi delle curve non sono felici e non si accontentano di quello che abbiamo ed è tanto? "E' perchè De Laurentis ha tagliato i viveri al tifo organizzato, non regala più i biglietti omaggio e ha tolto di mezzo il bagarinaggio" risponde sempre il mio papà...
Uffà... Sono triste ... Napoli è una città difficile non c'è tanto lavoro e molti ragazzi della mia età non studiano e fanno i pali della droga... Perchè non goderci una delle poche cose belle che abbiamo in questa città?
Voglio che la mia Napoli progredisca, non che regredisca e torni in serie C, come invece si auspicano alcuni, perchè purtoppo nella mia città c'è tanta bella gente ma anche persone cattive che vogliono il marcio, perchè nel marcio sguazzano alla grandissima...
Cara curve,
concludo chiedendovi di tornare la grande tifoseria che siete, di inneggiare i vostri campioni, di dedicare cori ad Higuaìn e Callejon e non cantare quel coro orrendo che alla fine è solo per voi... Se volete essere compatiti, se volete essere considerati, andate a manifestare in piazza, non venite allo stadio, perchè "nel tempio di Diego" io voglio solo persone che amano e per 90 minuti pensano solo al Napoli e alla felicità della nostra città....
Oggi avevo l'interrogazione di Storia, non avevo studiato molto, ieri pomeriggio ho gufato la Roma nel derby.... Ero preoccupato ma felice, perchè nel cuore avevo il grido del San Paolo Vero, il pugno sul petto di Higuaìn.
Non sono andato bene, ho preso 5, mia madre si incazzerà con il mio papà, ma la colpa è solo mia.
Da adesso mi impegnerò e non prenderò più brutti voti per colpa del Napoli, perchè come io voglio che Il Napoli sia sempre migliore, anche il mio Napoli vorrebbe che io diventi grande insieme a lui...

MOMPRACEM - L'isola del Calcio

I suggerimenti della settimana

Post del momento

VAN GOGH ARRIVA A NAPOLI - Con "The immersive Experience" - Nella Basilica di S. Giovanni Maggiore - Fino al 25 febbraio 2018

VAN GOGH – the IMMERSIVE EXPERIENCE, la mostra multimediale in cui il visitatore è coinvolto a 360 gradi, vivendo la straordinaria esp...