DUE ‘FERDINANDI’ ALLA CORTE DEI BORBONE

L’INEDITO “DUE ‘FERDINANDI’ ALLA CORTE DEI BORBONE” IN SCENA CON NARTEA PER BENEFICENZA


Rinviato a causa del maltempo, l’Associazione Culturale NarteA promuove una domenica all'insegna dellabeneficenza con l’inedita visita teatralizzata “Due ‘Ferdinandi’ alla corte dei Borbone”. Cultura, arte e storia saranno in scena domenica 8 dicembre 2013 (11:00) con questo evento gratuito che vuole sostenere la raccolta fondi per la lotta contro l’AIDS insieme all'associazione ANLAIDS, con il patrocinio morale del Comune di San Giorgio a Cremano. Per partecipare, è necessaria l’adesione per limite posti ai numeri 339.7020849334.6227785.
Impegnata dal 2007 nel settore della promozione della cultura e dell’arte, sempre nel rispetto delle caratteristiche storiche, sociali e ambientali, l'Associazione Culturale NarteA alza il sipario per promuove una domenica all’insegna della beneficenza: palcoscenici d’eccezione saranno la Villa Bruno e la Villa Vannucchi di San Giorgio a Cremano (Napoli),domenica 8 dicembre 2013 alle ore 11:00 con “Due ‘Ferdinandi’ alla corte dei Borbone”, per un evento gratuito con degustazione di vini offerta dalla Azienda Agricola Capolupo. L’iniziativa è stata ideata con lo scopo di raccogliere fondi a favore della lotta contro l’AIDS, insieme all’associazione ANLAIDS – Comitato Territoriale Napoli e con ilpatrocinio morale del Comune di San Giorgio a Cremano. Per partecipare, è necessaria l’adesione telefonando ai numeri339.7020849334.6227785.

“La cultura, l’arte e la storia sono risorse fondamentali per lo sviluppo dell'individuo, della società e dell’ambiente in cui si vive – spiega Erika Quercia, presidente di NarteA – Noi cerchiamo di adoperare le risorse del territorio per farle conoscere al pubblico e per sostenere giuste cause come la lotta contro l’AIDS”. Partendo da queste preziose risorse, l’Associazione Culturale NarteA offre l’occasione di visitare questi luoghi d’inestimabile valore e fascino, trascorrendo un momento tra conoscenza, divertimento e beneficenza grazie al format delle “visite guidate teatralizzate”.

Domenica 8 dicembre 2013 i riflettori saranno accesi nel Palazzo della Cultura Vesuviana, ossia nella settecentesca Villa Bruno e nella Villa Vannucchi, sito in via Cavalli di Bronzo a San Giorgio a Cremano (Napoli), per un nuovissimo lavorotargato NarteA “Due ‘Ferdinandi’ alla corte dei Borbone”. L’iniziativa andrà in scena nella settecentesca Villa Bruno, dove gli ospiti saranno catapultati alla corte dei Borbone attraverso una visita spettacolo che ricreerà l’ambientazione borbonica nelle sale di villa Bruno. La “spettacolarizzazione”, dal sapore prettamente storico, vedrà protagonisti diversi personaggi appartenenti alla storia del Regno delle due Sicilie che interagendo con il pubblico, si propone di rivivere i fasti di corte, ma anche quelle che erano le "scappatelle" del Re più discusso della storia del regno: Ferdinando IV di Borbone. Nulla succede, però, per caso: e se a corte, per un equivoco (o per voluta emulazione) nella stessa corte si incontrassero due "Ferdinandi" IV di Borbone? Come si riconoscerebbe l’autentico? Dapprima della famiglia Monteleone e poi quella dei Lieto, Villa Bruno fu residenza estiva del Cardinale Luigi Ruffo Scilla, Arcivescovo di Napoli nonché parente del famoso cardinale sanfedista Fabrizio Ruffo. Dal 1816 la villa accolse la fonderia Righetti, nella quale avvenne la fusione dei cavalli delle due monumentali statue equestri raffiguranti Carlo di Borbone (futuro Re Carlo III di Spagna) e Ferdinando I delle Due Sicilie (già Ferdinando IV di Borbone). Dedicata alla famiglia Reale dei Borbone, la visita spettacolo porterà il pubblico-protagonista in un immersione totale nell'atmosfera della corte borbonica, grazie all'equipe di attori professionisti vestiti in abiti d’epoca.



Ufficio Stampa NarteA Annacarla Tredici: 333.9513421 annacarla.tredici@nartea.com

I suggerimenti della settimana

Post del momento

VISITA GUIDATA: La Napoli Nascosta: un viaggio nel passato - 28 maggio 2017

La Napoli Nascosta: Tremila anni di storia dal Giardino di Babuk al ventre di via Foria tra antiche cisterne, ipogei e rifugi ...