CAPTIVI a Pio Monte della Misericordia

Domenica 29 dicembre 2013 (a partire dalle ore 11:00) la visita teatralizzata “CAPTIVI” illuminerà il meraviglioso Pio Monte della Misericordia: incastonato nel cuore di via Tribunali, questo spazio custodisce una serie di capolavori appartenenti al naturalismo napoletano tra cui Ribera, Giordano, Pitloo, Stanzione, Vaccaro, Francanzano, Santafede, van Somer, e l’elegante Chiesa barocca che conserva il celebre dipinto di Caravaggio. NarteA alza il sipario con una pièce teatrale scritta da Febo Quercia:
una storia architettata sulle vicende storiche napoletane, fortemente intessuta sulla profondità dei sentimenti umani, che tocca una emozionante “pagina” del passato. La città di Napoli non sfuggì ai saccheggi dei Turchi: durante queste incursioni in Italia meridionale, i napoletani erano esposti al pericolo non solo di essere depredati, bensì di essere catturati. All'epoca, questi corsari-predoni basavano la loro economia sul commercio e il riscatto di uomini, donne e bambini, puntualmente “offerti” sulle piazze marittime africane. Una delle opere di misericordia per cui il Pio Monte fu attivamente impegnato sin dai primi anni della sua istituzione, fu proprio l’Opera della Redentionedei Captivi: ossia la liberazione degli schiavi cristiani imprigionati e seviziati nelle mani degli infedeli. L’iniziativa prevede un viaggio nella storia e nelle opere del Pio Monte, attraverso l’esperta guida di Alessia Zorzenon, in congiunta all’interpretazione degli attori professionisti Serena Pisa, Stefano Ferraro e Antimo Casertano.



I suggerimenti della settimana

Post del momento

VISITA GUIDATA: La Napoli Nascosta: un viaggio nel passato - 17 settembre 2017

Un Viaggio nel passato di tremila anni di storia dal Giardino di Babuk al ventre di via Foria tra antiche cisterne, ipoge...