INAUGURAZIONE DEL FORUM DELLE CULTURE 2013

Si è svolta Lunedì 18 Novembre in un teatro San Carlo presidiato dalle forze dell'ordine la cerimonia d'inaugurazione del Forum delle Culture 2013. Poco prima dell'avvio della cerimonia sono giunti alcuni disoccupati che hanno tentato di raggiungere l'ingresso del teatro San Carlo per esporre uno striscione. La polizia, in assetto antisommossa, ha fatto un cordone tenendo lontano gli stessi manifestanti. All'uscita del presidente della giunta regionale, Stefano Caldoro, due manifestanti hanno rincorso la vettura del governatore ma sono stati raggiunti e bloccati dalle forze dell'ordine.
L'arte di Enzo Moscato, la grande musica, le immagini di Napoli e della Campania nella loro classica bellezza, 'salutate' in tutte le lingue dai sorrisi dei cittadini del mondo: è con la sobria cerimonia al San Carlo che si è alzato virtualmente il sipario sulla quarta edizione del Forum, che entrerà nel vivo però solo nel 2014.
A deciderne il programma "al 75 per cento - come anticipa il sindaco Luigi de Magistris - sarà il 6 e 7 dicembre una assemblea pubblica aperta a tutti i cittadini che raccoglierà idee e anche indicazioni sulla scrittura dei bandi". Ma ci saranno anche grandi mostre. Ospite di questa prima giornata Xavier Trias, sindaco di Barcellona cui fa capo la Fundaciò Forum universal de les cultures, padroni di casa sul palco del Massimo, oltre al sindaco, Caldoro, la soprintendente Rosanna Purchia, l'assessore alla Cultura della Regione, Caterina Miraglia, del Comune, Nino Daniele e Giancarlo Ferulano per i siti Unesco, che saranno coinvolti nel Forum per la parte che gestirà l'ente regionale.

Primo momento in assoluto di spettacolo del Forum che verrà, dopo il filmato proposto dalla Fondazione Forum, lo offre Enzo Moscato, emozionando il teatro gremito con un brano di 'Partiture' (1988) dedicato al soggiorno napoletano di Giacomo Leopardi (1835-37). Poi spazio alla grande musica, con il concerto dell'orchestra del Massimo partenopeo, diretta dallo slovacco Juraj Valcuha.

Scelti per il programma di benvenuto omaggi per alla tradizione napoletana ('Santa Lucià di Teodoro Cottrau), a quella spagnola, (preludio di 'Carmen' di Georges Bizet) e anche a George Gershwin, cerniera tra la musica colta e i ritmi afro attraverso il jazz. In platea anche il direttore generale della Fundaciò Mireia Belil. Prima di Napoli, e dopo l'avvio della manifestazione a Barcellona nel 2004, le altre edizioni si sono svolte con successo a Monterrey (Messico) nel 2007 e a Valparaiso (Cile) nel 2010.

Gli eventi del Forum si snoderanno in 300 giorni e coinvolgeranno anche le altre città campane e i siti Unesco regionali. Le tematiche che si affronteranno sotto forma di 'dialoghi' come richiede il format andranno dallo sviluppo sostenibile alle diversità culturali, dalla pace alla risorsa mare.

"Il Forum non pretende di essere la soluzione a tutti i problemi, ma mira a far luce sui problemi che il mondo si trova ad affrontare". Lo ha detto il sindaco di Barcellona e presidente del Forum delle Culture, Xavier Trias. "Il Forum delle culture di Napoli - ha detto ancora Trias - valorizzerà i luoghi emblematici di questa città e della Regione e sarà un'occasione per mostrare al mondo la cultura e la diversità di questa città".



I suggerimenti della settimana

Post del momento

VISITA GUIDATA: La Napoli Nascosta: un viaggio nel passato - 17 settembre 2017

Un Viaggio nel passato di tremila anni di storia dal Giardino di Babuk al ventre di via Foria tra antiche cisterne, ipoge...